In Italia la popolazione anziana diventa ogni giorno più numerosa e il tessuto sociale del nostro paese evidenzia delle fragilità per affrontare le quali è necessario attivarsi con urgenza.

L’anziano è la vera “parte debole” della nostra società e va protetto e tutelato così come proteggiamo e tuteliamo i nostri bambini.

1) L’anziano non è in grado di affrontare lo sviluppo tecnologico che ha coinvolto la vita di tutti i giorni.
- Non riesce a leggere i referti e le cartelle cliniche fornite solo su supporto digitale.
- Non riesce ad accedere ai servizi essenziali che molti enti pubblici e privati gestiscono solo online o via PEC.
- Non riesce a comunicare e a ottenere informazioni perché non usa internet e la posta elettronica.

2) L’anziano è privo di tutela nei rapporti con gli operatori pubblici e gli assistenti che erogano servizi alla persona.
- Non è in grado di affrontare prontamente l'abbandono della badante che non si presenta al lavoro o opta per un lavoro meglio pagato.
- Non sa come gestire il contenzioso che sempre più badanti pretestuosamente avviano anche in presenza di rapporti di lavoro regolari.
- Non riesce ad accedere ai servizi di assistenza tutelare pubblica offerti dai comuni che vengono erogati solo a fronte di estenuanti liste d'attesa.

3) L’anziano non ha l’autosufficienza economica per prendersi cura della propria salute.
- Non riesce ad ottenere dalle ASL le visite mediche specialistiche domiciliari di cui abbisogna, sia a causa delle liste d'attesa, sia perché la rigida organizzazione dei distretti sanitari non garantisce la presenza degli operatori necessari a coprire ogni tipo di specializzazione.
- Non riesce ad ottere dal sistema pubblico i servizi di riabilitazione domiciliare necessari a recuperare autosufficienza.
- Non dispone delle risorse economiche per acquistare privatamente le prestazioni sanitarie che le ASL non erogano.
- Non ha alcun potere contrattuale per cercare di ottenere a tariffe accettabili i servizi sanitari domiciliari di cui necessita.


La presenza di figlioli anche amorevoli e dediti è di aiuto ma non rappresenta la soluzione del problema. E cosa accade quando i figli non ci sono o vivono molto lontano?

Chi ha un genitore anziano che sta progressivamente scivolando nell’area della non autosufficienza comprende molto bene di cosa stiamo parlando.

Libera Cittadinanza Onlus è al fianco dell’anziano e della sua famiglia nell’affrontare queste difficoltà.

  • Tutela e sostiene le ragioni dell’anziano in ogni rapporto economico e contrattuale che questi debba intrattenere.
  • Lo aiuta gratuitamente a trovare badanti che offrano maggiori garanzie di serietà e affidabilità.
  • Gli gestisce gratuitamente il rapporto di lavoro affinché non incorra in sanzioni.
  • Lo rappresenta gratuitamente presso l’Ispettorato del Lavoro in caso di contenzioso laboristico.
  • Lo aiuta domiciliarmente a certificare il proprio stato di invalidità e ad ottenere l’indennità di accompagno.
  • Cura per suo conto tutte le pratiche ASL per ottenere a domicilio gli ausili ortopedici e sanitari di cui necessita.
  • Opera come Centro d'Acquisto di servizi sanitari domiciliari, chiudendo quotidianamente convenzioni con medici ed operatori sanitari sensibili ai bisogni dell’anziano e disponibili a praticare nei suoi confronti tariffe di grande favore.
  • Sollecita i servizi sociali ad intervenire con prontezza ed efficienza nelle situazioni di disagio.

Libera Cittadinanza Onlus gestisce in prima persona tutti questi rapporti per conto dei suoi  anziani. E ognuna delle controparti sarà consapevole di dover rispondere di eventuali omissioni o comportamenti scorretti non ad un anziano indifeso, ma ad una entità che rappresenta con forza migliaia e migliaia di anziani sul territorio.

Puoi rafforzare Libera Cittadinanza Onlus anche con il tuo sostegno morale: vai su Facebook e diventa "fan" >>>

Sostieni Libera Cittadinanza Onlus anche se in questo momento non hai bisogno di nulla… quello che dai oggi ti verrà restituito domani.

Libera Cittadinanza Onlus  © copyright 2016. Tutti i diritti riservati
Via Labicana 62 00184 Roma  -  Via Merulana 134 00185 Roma  -  Infoline 06 83390441  -  CF n. 09814611001